15.3.13

White soap: l'ultima creazione de La Zia Epi

E' tornata Federica M.! Ed è un ritorno in grande stile :-)
Crafter, appassionata di cose belle e collaboratrice preziosa di FiloAgoGo, Federica sbircia negli atelier creativi, si intrufola negli showroom, visita vernissage, è di casa nelle botteghe artigiane e nelle boutique di designer emergenti, qualcuno l'ha avvistata anche gironzolare nel banco frutta & verdura di un supermercato (avrà fatto una spesa creativa?!?). Bando alle ciance, mettetevi comodi, questa volta andiamo a trovare La Zia Epi.
Buona lettura!
.......................................................
La crisi impazza, i soldi sono pochi, e le strategie di spesa sono più che mai variegate. Proprio l'altra sera ne discutevo con una nuova conoscenza, e ci trovavamo in sintonia: entrambe siamo del parere che sia necessario evitare i grandi marchi, le catene low-cost, e fare pochi acquisti oculati dagli artigiani, meglio se locali. Ripensando, oggi, a quella chiacchierata, ho accarezzato con orgoglio il mio set berretto + sciarpa prodotto a mano da La Zia Epi.

Credits: La Zia Epi/White Soap
Credits: La Zia Epi/White Soap

Dietro il nome di 'Zia Epi' si nasconde Giulia Epifani; fanciulla intraprendente che, dopo essersi diplomata allo IED, ha lavorato per aziende di moda (tra cui Blumarine), e poi si è buttata nella produzione di una propria linea di abbigliamento.

Credits: La Zia Epi/White Soap

Nel suo laboratorio di Fiorenzuola d'Arda (PC) nascono abiti e magliette dalle linee morbide, informali, estremamente femminili. L'ultima collezione, “White soap”, ha come temi ispiratori l'ingenuità del cerbiatto e l'istinto della volpe, soggetti che vengono stampati a mano con metodo serigrafico a due colori.

Credits: La Zia Epi/White Soap

Come dicevo, da Giulia quest'inverno ho acquistato un berretto romantico, decorato da un fiocco a righe, che ha attirato l'attenzione di tutti i colleghi... quasi immediatamente mi è venuta voglia di avere anche una sciarpa abbinata e gliel'ho commissionata. La designer si è messa personalmente a sferruzzare e mi mandava via mail le foto del work-in-progress; una volta ricevuto per posta l'oggetto del desiderio, sono rimasta piacevolmente sorpresa dalla qualità e lucentezza dei filati, che in foto non erano così evidenti.
Sono soddisfattissima, nonostante il prezzo medio-alto (almeno per me!) e mi sembra di indossare un capo con un'anima. Per seguire al meglio tutte le news sul La Zia Epi c'è anche la pagina Facebook. 
Alla prossima!

Federica M.
.........................................................................................
Ti sei persa i precedenti post di Federica? Leggili subito!
Vanitas Market 2012
Gli "Accessori Necessari" di Elena Valenti
+ “This is bijou!”al Museo del bijou di Casalmaggiore
Giulia Boccafogli. Flux e Forma Seconda

4 commenti:

  1. Mmmm ma tutti questi commenti sopra? Attacco spam? : (
    Ad ogni modo, non conoscevo il suo brand, mi piace molto l'idea delle stampe anche se i modelli non sono tra i miei preferiti! Ora mi vado a sbirciare un po' la sua pagina : )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elisa! Lo spam è l'altra faccia della medaglia per aver eliminato i captcha... :-) normalmente li elimino appena google me li notifica... 'sto giro qualcosa deve non aver funzionato...

      Elimina
  2. ps: non sono riuscita ad entrare nella pagina, temo ci sia il link sbagliato!! : (

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il link era sbagliato, in effetti... GRAZIE :-)

      Elimina

Questo blog vive della mia energia e della mia curiosità. Il mio entusiasmo e la mia creatività sono direttamente proporzionali alla presenza di commenti e di like;. :-P Se questo post ti ha incuriosito, ti è piaciuto oppure lo hai odiato (speriamo di no!) ... lascia un segno del tuo passaggio. Grazie mille :-)